eMail: Flag IT Sign inSign in
Menu
logo

Campi e paesaggio

More in this section

La costruzione di un campo sportivo nelle zone di interesse dei Beni Culturali e del Paesaggio è una necessità responsabile e legale.

Campo di calcio inserito nel paesaggioCampo di calcio inserito nel paesaggio

La costruzione di un campo sportivo nelle zone di interesse dei beni culturali e del paesaggio rappresenta una sfida particolare. L'Articolo 142 del D.Lgs. 42/2004 indica i parametri che il progettista dovrà rispettare per bilanciare l'esigenza di infrastrutture sportive con la necessità di salvaguardare il patrimonio naturale e culturale. Questo equilibrio non è solo desiderabile, ma deve essere considerato un obbligo legale.

Prima di tutto, necessitiamo di una comprensione chiara del disposto dell'articolo 142. La norma pone restrizioni e linee guida per opere edificatorie e di trasformazione del territorio che possono avere un impatto sui beni culturali e paesaggistici. In sintesi, qualsiasi intervento deve preservare l'integrità del patrimonio paesaggistico e culturale.

L'implementazione di un campo sportivo, quindi, richiede un'attenta pianificazione e progettazione. In primo luogo, è necessario condurre una valutazione d'impatto ambientale (VIA). Questa valutazione deve considerare l'effetto potenziale del campo sportivo sul patrimonio culturale e paesaggistico circostante.

Inoltre, è essenziale coinvolgere le figure professionali competenti con esperienza anche nella progettazione dei campi sportivi. Ad esempio, un paesaggista può aiutare a minimizzare l'impatto del campo sul paesaggio circostante. Un archeologo, al contrario, può aiutare a preservare eventuali reperti storici o archeologici.

A seconda del contesto, può essere utile coinvolgere la comunità locale. Attraverso incontri pubblici e consultazioni, la comunità può fornire feedback e consentire ai pianificatori di tenere conto dei loro interessi.

Infine, è importante sfruttare le tecnologie moderne ed innovative. La costruzione ecologica e sostenibile può ridurre l'impatto del campo, mentre i nuovi materiali e tecniche costruttive e di manutenzione possono fornire alternative più rispettose dell'ambiente.

In conclusione, la costruzione di un campo sportivo nelle aree di interesse dei beni culturali e del paesaggio rappresenta una sfida complessa, ma non impossibile. Rispettando l'Articolo 142 e adottando un approccio olistico alla pianificazione e progettazione, possiamo riuscire a bilanciare le esigenze della comunità e la necessità di salvaguardare il nostro inestimabile patrimonio culturale e paesaggistico.

Request a no-obligation quote, it's quick and easy!

* All fields are mandatory!
Requests completed correctly will be processed with the highest priority.

» Privacy Policy (GDPR - European Data Protection Regulation 679/2016)

Attention: completing and sending this electronic form implies acceptance of what is indicated in the information