powergrass@powergrass.itpowergrass@powergrass.it     +39 02 688.84.13+39 02 688.84.13
Lingua     Area riservata

La gestione dell'acqua di irrigazione dovrebbe promuovere un ricco sviluppo dell'apparato radicale…

La gestione dell'acqua di irrigazione è essenziale per sostenere la crescita dell'erba naturale nei periodi asciutti e durante le calde giornate estive. Una corretta gestione è sufficiente per fornire l'umidità necessaria e risparmiare la risorsa più preziosa.

Bisogna tenere conto due regole per innaffiare il prato regolarmente: a) bagnare a lunghi intervalli durante le prime ore del mattino usando l'impianto solo se il prato inizia ad evidenziare segni di carenza idrica (incomincia a diventare meno resiliente) e b) fare in modo che il contenuto di umidità del terreno è mantenuta ad un livello basso, sopra il punto erba avvizzimento ed evitare di saturare il terreno con acqua, durante i periodi caldi che superano i 25oC per le erbe microterme e 35 oC per le erbe macroterme. La gestione dell'irrigazione mira ad irrobustire la membrana cellulare e migliorare la capacità a contenere l'acqua all'interno delle cellule rispetto a qualsiasi altra tecnica che spesso è difficile praticare come il "syringing" (fonte Test in Giappone). Si consiglia di effettuare una completa analisi del suolo e controllare la quantità massima di acqua che il suolo può ritenere che si chiama capacità idrica di campo nonché il punto di appassimento la quantità di acqua che è ancora contenuta nel terreno, ma non è disponibile per la crescita dell'erba, per capire meglio come gestire la pianificazione di irrigazione secondo in base alle variazioni della Evapotraspirazione.

Dottarsi di un impianto moderno ad hoc permette di automatizzare la gestione con una centralina di facile utilizzo.

Con la presente indichiamo alcune strategie per ridurre il consumo di acqua e mantenere il prato esistente sano.

  1. Bagnare solo quando il prato ha bisogno. La conservazione dell'acqua non è l'unica ragione per limitare la quantità di acqua che si dà al prato. Bagnare troppo è un male per la salute del vostro prato e può contribuire allo sviluppo di funghi e di malattie. Alcuni tipi di erba richiedono più acqua di altri, e fattori ambientali quali temperatura, umidità e vento possono influenzare notevolmente la frequenza di innaffiamento del prato. Fortunatamente, il modo più accurato per determinare se il prato ha bisogno di acqua è anche il più facile: basta guardare l'erba:
    • Quando l'erba ha bisogno di acqua, inizierà ad assumere una tinta grigio-blu, e le foglie più vecchie della pianta cominceranno a rannicchiarsi o appassire.
    • Le impronte dei piedi rimarranno sul prato più a lungo del solito, poiché l'erba non si "rialza". Quando dal 30 al 50% del vostro prato mostra questi sintomi, è il momento di innaffiare.
  2. Innaffiare in profondità per favorire la crescita di radici profonde. Annaffiature frequenti superficiali favoriscono la germinazione delle infestanti, e anche stimolano le radici d'erba di crescere in superficie, esponendo la pianta più suscettibile alla siccità e ad alcune malattie. Annaffiare solo quando il vostro prato ha davvero bisogno incoraggia le radici a crescere più in profondità, ma solo se si fornisce abbastanza acqua per penetrare la zona radicale ad ogni irrigazione.
    • Il modo più preciso per determinare la profondità della zona radicale è quello di scavare un piccolo foro e misurare quanto le radici scendono.
    • In alternativa, è possibile seguire questi indicazioni generali: se avete un prato in Poa Pratensis, ogni irrigazione deve inumidire il terreno per 15-20 centimetri di profondità, mentre per la maggior parte delle altre erbe, l'acqua dovrebbe penetrare 20-30 centimetri. È possibile determinare il tempo di lasciare il sistema di irrigazione in funzione utilizzando uno dei seguenti metodi:
      1. Avviate gli irrigatori per 15 minuti. Dopo 18-24 ore, verificate la profondità dell'acqua imbevuta scavando un piccolo foro nella zona irrigata o utilizzando una sonda (la sonda si spingerà facilmente attraverso il terreno umido). Si può anche spingere un badile nel terreno e usarlo come leva per spostare il terreno abbastanza in modo da poter osservare diversi centimetri sotto la superficie. Una volta verificata la profonda dell'acqua che ha penetrato in 15 minuti di innaffiatura, è possibile calcolare quanto tempo è necessario lasciare la vostra accesa l'irrigazione.
        Ad esempio, se il terreno è umido a 10 centimetri sotto la superficie e il vostro obiettivo è quello di inumidire il terreno ad una profondità di 20 centimetri, avrete bisogno di lasciare gli irrigatori accessi per 30 minuti (2 x 15 minuti) ogni volta che si annaffia.
      2. Stimare la quantità di acqua di cui avete bisogno in base al tipo di terreno. In generale, 2,5 cm di acqua penetra i terreni sabbiosi a 25 centimetri, i terreni di medio impasto a 15 a 20 cm, e i terreni argillosi 7-10 cm. Usando queste stime non è preciso come scavare, ma è molto vicino, soprattutto se si ha una buona conoscenza della composizione del terreno. Per capire quanto tempo è necessario per mantenere il vostro irrigatore o sistema di irrigazione accesso, calibrare gli irrigatori.
  3. Innaffiare presto alla mattina. Quando si utilizzano gli irrigatori, parte dell'acqua evapora prima che tocchi terra. In una giornata calda, ventosa, la quantità di acqua che non raggiunge mai la vostra erba può essere sostanziale. Per ridurre le perdite per evaporazione, innaffiare dalle 4 a.m. alle 9 a.m. quando la temperatura è ancora fresca e il vento è solitamente calmo.
    • Evitare di innaffiare il prato con acqua calda. Nei giorni caldi, l'acqua all'interno del tubo può diventare molto calda dall'energia solare - abbastanza calda da scottare! È meglio saltare l'annaffiatura quel giorno, e bagnare presto la mattina successiva. Far scorrere l'acqua calda nel tubo dopo che il sole è andato giù, per svuotare l'acqua calda.

In questo modo l'apparato cresce in profondità, il prato diventa più resistente ai stress ambientali e più calpestabile.

Monitorare bene la gestione dell'acqua durante i mesi più caldi è fondamentale in quanto è l'elemento essenziale per il metabolismo del tappeto erboso.

La gestione dell'acqua per l'irrigazione deve tenere conto del risparmio idrico

Una corretta gestione dell'acqua per l'irrigazione consente di irrigare il prato secondo il fabbisogno e nel contempo risparmiare l'acqua.

Irrigare in profondità a lunghi intervalli stimola lo sviluppo dell'apparato radicale in profondità

Irrigare in profondità a lunghi intervalli stimola lo sviluppo dell'apparato radicale in profondità

Irrigatore Rainbird installato a San Siro nel 2012

Irrigatore Rainbird installato a San Siro nel 2012

Bookmark and Share

Engineering Carlo Recalcati - Design Vanessa Polimeni     |     Copyright © Gli Specialisti del Verde Srl      |      C.F. e P.IVA IT09242420967