powergrass@powergrass.itpowergrass@powergrass.it     +39 02 688.84.13+39 02 688.84.13
Lingua     Area riservata

Giocare meglio! Giocare in sicurezza! Giocare tanto!

In genere la manutenzione costante e regolare di un campo in erba naturale consente di mantenerlo nelle migliori condizioni a costi fortemente contenuti.

Con il sistema ibrido PowerGrass la manutenzione è ancora più ridotta. Sono sufficienti 10 accorgimenti per mantenere l'erba mista in ottima salute e resistere senza problemi fino a 1400 ore di gioco/anno.

Manutenzione ordinaria

  1. Tagliare regolarmente l'erba all'altezza di 3-3,5 cm durante la stagione agonistica e a 5 cm durante il periodo di riposo nei mesi più caldi in estate.
  2. Innaffiare regolarmente a lunghi intervalli per favorire lo sviluppo delle radici in profondità. Tuttavia, durante le estati calde l' erba richiede frequenti irrigazioni quasi tutti i giorni, ma è importante che il contenuto di umidità del suolo sia mantenuta a un livello basso: al di sopra del "punto di appassimento" in cui l'erba appassisce, ma sotto il livello di "capacità di campo" per stimolare il rinforzo della membrana cellulare.
  3. Segnare il campo con la traccialinee Eco Club usando vernice atossica per l'erba naturale.
  4. Mentre nei manti ibridi, tipo PowerGrass è sufficiente riseminare le piccole buche e le zone di maggior usura praticando piccoli fori nel substrato sabbioso per interrare il seme, nei campi in erba naturale il recupero delle zone danneggiate durante la stagione agonistica è possibile soltanto con la sostituzione con le zolle. In alternativa alle zolle alte 5 cm si consiglia l'uso della zolla di prato ibrido tipo PowerGrass che è più leggera, più maneggevole e più resistente.

Manutenzione straordinaria specializzata

  1. Scarificare oppure arieggiare la cotica erbosa in superficie per eliminare il feltro in eccesso. Nel sistema ibrido PowerGrass l'intensa attività dei giocatori esercita un' arieggiatura fino ad un certo limite. Se necessario, usare macchine con molle al posto dei coltelli per evitare di danneggiare i filamenti artificiali che sporgono sopra la superficie del terreno. Erpicature con molle sottili non sembra essere affatto un problema, nel frattempo rulli con chiodi conici aumentano il ricambio d'aria ed agevolano il controllo del feltro.
  2. Distribuire sabbia sul prato per migliorare l'infiltrazione dell'acqua e mantenere asciutta la superficie; per proteggere il colletto delle essenze erbose; per riempire le buche dall'attività di gioco. Il sistema ibrido PowerGrass non ama le sabbiature, dal momento che la sabbia tende a "seppellire" i filamenti artificiali, ma di solito l'erba è sottoposta ad un uso intensivo ed il controllo del feltro non è un grosso problema. Tuttavia, se necessario, si consiglia vivamente di abbinare la sabbiatura con macchine scarificatrici dotate di molle che tendono a togliere una parte della vecchia sabbia con il feltro. Controllare il substrato vegetale spesso tramite analisi di laboratorio ed usare la calce, se necessario, per mantenere il pH neutro.
  3. Arieggiare il terreno in profondità per eliminare il compattamento e favorire il drenaggio dell'acqua e lo sviluppo delle radici in profondità. In terreni eccessivamente argillosi praticare dei microdreni per agevolare l’infiltrazione dell’acqua negli strati sotterranei, facile da realizzare con la DrainMaster. Nel PowerGrass l'aerazione profonda del terreno è possibile con Verti-Drain con punte piene fini o molto fini per penetrare il suolo e il backing a circa 80-85 ° (leggero sollevamento). Il Geofill PG è progettato per ridurre la necessità di una profonda aerazione e ridurre sia i costi di manutenzione o i piccoli danni al supporto artificiale, anche se per quest'ultimo non è una questione importante.
  4. Concimare 6-8 volte l'anno con prodotti a lenta cessione. Durante l'insediamento del prato e quando l'attività biologica è bassa, usare fertilizzanti di facile assorbimento per promuovere la crescita dell'erba naturale. Si prega di prestare attenzione perchè l'eccesso di azoto non rende resistente l'erba al calpestio.
  5. Seminare tra la cotica erbosa esistente per integrare le piante danneggiate dall'attività di gioco. Nel sistema di manto ibrido PowerGrass utilizzare una seminatrice a rullo con i chiodi conici facile da praticare dei fori nel substrato vegetale e per coprire i semi senza danneggiare i filamenti artificiali.
  6. Controllare le piante infestanti annuali (mono e dicotiledoni) e la gramigna con diserbanti selettivi; prevenire le malattie fungine con prodotti registrati. Nel sistema ibrido PowerGrass le piante infestanti hanno ben poche possibilità di crescere, in quanto l'erba è seminata in un substrato selezionato e non cresce sul terreno esistente, ma possono verificarsi in alcuni casi, in zone ventose o nei casi in cui la sabbia del fiume locale non è pulita.
    Il sistema misto sintetico PowerGrass è pensato per un uso elevato e il tempo per recuperare eventuali danni è sempre poco. Prevenire invece di curare è sempre meglio, quindi la gestione dell'acqua e la fertilizzazione dovrebbero mirare a rafforzare la resistenza delle piante agli attacchi di funghi, ma quando il clima è stressante per la crescita dell'erba, non esitate ad utilizzare prodotti registrati. Consultare un agronomo esperto per evitare sorprese ed utilizzare il dosaggio raccomandato per il risparmio del Vostro denaro e per evitare qualsiasi impatto ambientale.

Nota bene: evitare operazioni di manutenzione se il termometro supera i 32°C ed evitare di usare il prato con terreno gelato.

Visita la pagina Download per scaricare la scheda della manutenzione tipo, previa registrazione.

Eventi atmosferici speciali

Rimuovere la neve da un campo sportivo non è stato mai così facile! Nei campi in erba naturale, le attrezzature rischiano di segnare? Nei campi con manti sintetici, la neve rischia di asportare l'intaso durante la sua rimozione? Nel prato ibrido PowerGrass nessuna preoccupazione! Regolando la turbina da neve è possibile rimuovere quest'ultima presto al mattino, per giocare nel pomeriggio sul erba naturale rinforzata, in piena sicurezza e comfort!

il 13 gennaio del 2017, a Verbania, una nevicata improvvisa il giorno prima della partita non è riuscita a far sospendere la partita! Grazie alla prontezza del manutentore Salvatore Bianchi e la stabilità del sistema ibrido PowerGrass, si è riusciti a rimuovere la neve in meno di 4 ore il mattino successivo, consegnando il campo nel primo pomeriggio alle squadre per la rifinitura prima della partita casalinga.

Un motivo in più per scegliere il sistema ibrido PowerGrass anche per il fatto che è resistente alle intemperie (neve, gelo, caldo, allagamenti) che possono provocare seri danni in tutte le altre tipologie di campi.

Nuovo impianto d'irrigazione a San Siro: agevola la gestione dell'acqua per l'irrigazione, offre una maggiore uniformità nella distribuzione ed un risparmio della risorsa più preziosa.

L'arieggiatura nel campo ibrido è raccomandata di frequente con le molle per evitare la formazione di feltro.

La bucatura con la Verti-Drain è possibile con punte lunghe e sottili per dissodare il terreno sotto il backing.

La seminatrice Amazone GNK 15 usa dei chiodi flessibili a movimento oscillante laterale alternato che dissodano la cotica superficiale del terreno mentre incorpora il seme nel substrato di crescita; si è dimostrata ideale per dissodare e riseminare il manto ibrido PowerGrass.

Rimuovere la neve da un campo sportivo non è mai stato così facile! Una nevicata improvvisa, il giorno prima della partita, non riuscì a sorprendere il groundsman Salvatore Bianchi che ha rimosso la neve in meno di 4 ore fornendo un campo pronto per giocare nel pomeriggio, grazie alla stabilità della erba ibrida PowerGrass!

QR code page.

Chiedi un preventivo senza impegno, è semplice e veloce!Chiedi un preventivo senza impegno, è semplice e veloce! Bookmark and Share

Engineering Carlo Recalcati - Design Vanessa Polimeni     |     Copyright © Gli Specialisti del Verde Srl      |      C.F. e P.IVA IT09242420967